Liquore allo Zafferano, un ottimo digestivo a fine pasto

Aggiornamento: 9 apr 2021

Lo zafferano è conosciuto da millenni; se ne parla nei papiri egiziani del II secolo a.C, nella Bibbia, nell'Iliade.

Lo citano nelle loro opere Virgilio, Plinio e Ovidio. Isocrate si faceva profumare i guanciali con lo zafferano prima di andare a dormire, le donne troiane lo usavano per profumare i pavimenti dei loro templi.


Dall'Asia la coltivazione si estese in varie parti del mondo arrivando anche in Tunisia e da qui in Spagna. Proprio dalla Spagna arrivò in Italia, per mano del monaco domenicano Santucci, nativo della cittadina abruzzese di Navelli.

Santucci si innamorò della piccola pianta dello zafferano e la portò con sé a Navelli, pensando potesse adattarsi bene al clima della sua terra. Infatti lo zafferano trovò in Abruzzo un habitat molto favorevole.